Ultim'ora
Un commento

Contratti irregolari alla Piscina:
verbale dell'ispettorato lavoro
e vertenza sindacale in arrivo

Ennesima tegola sulla gestione Sport Management della Piscina Comunale. Un verbale esecutivo dell’Ispettorato del lavoro è infatti finito in mano alla Cgil, che rappresenta cinque dei 12 dipendenti trovati a lavorare con contratti irregolari presso la struttura, e che è pronta ad avviare una vertenza sindacale.

Il blitz dell’ispettorato del lavoro era stato effettuato nel luglio 2018: i Carabinieri del Nil (Nucleo ispettorato del lavoro) avevano verificato la presenza in struttura di 12 dipendenti al lavoro e avevano verificato come la situazione contrattuale non fosse quella corretta. I dipendenti “erano inquadrati con rapporti di lavoro di tipo occasionale, come i contratti di collaborazione sportiva, nonostante in realtà si trattasse di vero e proprio rapporto di lavoro subordinato” spiega Kendra Barbotta, responsabile dell’ufficio vertenze della Cgil per Cremona e Crema, a cui i lavoratori si sono rivolti.

“Viene contestata la natura del rapporto instaurato. Al di là dell’accertamento fatto da Carabinieri del Nil, che hanno lavorato molto bene, ora il nostro obiettivo sarà quello di ricostruire, in base alle buste paga, le differenze retributive, con gli importi netti che ancora spettano ai dipendenti. Questo chiederemo all’azienda, oltre al riconoscimento di posizione assicurativa Inail e previdenziale, peraltro richieste anche dal verbale dell’ispettorato del lavoro” continua Barbotta. Il tutto non solo per i mesi contestati dall’autorità, tra ottobre 2017 e luglio 2018: i lavoratori infatti, da luglio 2018 in poi, hanno continuato a lavorare sempre con lo stesso tipo di contratto. Sul fronte sindacale, quindi, la contestazione si estende a tutto il periodo in cui i lavoratori hanno prestato servizio.

Prossimo step, tra settembre e ottobre, sarà da parte del sindacato di verificare che l’azienda abbia provveduto al versamento dei contributi, come richiesto peraltro anche dal verbale.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti