5 Commenti

Emergenza piccioni: in cortile
Federico II escrementi anche
tra i banchi del mercatino

Dopo essere stati protagonisti in negativo dell’estate cremonese, i piccioni  minacciano anche il mercato dell’antiquariato, uno degli eventi che si tengono in centro storico la domenica. Proprio ieri diversi espositori di cortile Federico II, hanno sbottato indignati per una situazione che si protrae da tempo e che negli ultimi mesi è emersa in tutta la sua gravità, non solo attorno ai monumenti medioevali del centro storico, ma in generale in tutti gli edifici in cui i volatili trovano anfratti per nidificare.

Ieri i frequentatori del mercatino dell’antiquariato hanno potuto ascoltare dalla viva voce di diversi espositori il loro malcontento: escrementi piovuti dall’alto piombati nelle immediate vicinanze della merce esposta, in alcuni casi colpendola e addirittura, un uovo caduto a pochi centimetri dalla merce. “Il problema è già stato segnalato dal Comune – spiega l’organizzatrice del mercatino – a quanto pare, se sono stati tentati dei rimedi, questi non hanno funzionato”. Il problema riguarda anche gli espositori di via Baldesio, ma ieri erano soprattutto quelli del cortiletto interno ad essere letteralmente furibondi. Un espositrice di gioielli ha lamentato il danneggiamento di alcuni pezzi particolarmente preziosi, ma a rischio sono stati anche libri, biciclette d’epoca.

Pochi mesi fa, il Comune aveva affidato a una ditta specializzata la pulizia e l’igienizzazione dei sottotetti del Palazzo, dove si trovavano diverse carcasse di animali, con posa di reti di protezione. Un intervento costato oltre 7mila euro.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sbirulino19

    Ricoprire la città di m, si puo!

    • Mirko

      Ahahah

    • Telafó Giovanni

      Parla da esperto?

      • Sbirulino19

        No caro mio, non voglio toglierti il lavoro di assaggiatore. (P.S: rispondo alla tua battuta di m….)

  • ciclo-pe

    I piccioni o colombi sono diventati un grosso problema e si fa troppo poco per contenerli. Allo stato attuale, il danno che fanno e la sporcizia che portano superano di gran lunga qualsiasi beneficio di pacifica convivenza. Inoltre per pulire aree e mettere dissuasori si spendono notevoli risorse. Facciamo in modo che questo volatile, vero fenomeno per capacità di volo e orientamento, non diventi uno spauracchio. Credo che un drastico diradamento sarebbe benefico anche per i volatili stessi.