17 Commenti

Nuovo parcheggio ad uso
pendolari dietro l'Italmark:
75 posti gratuiti

Approvato dalla Giunta, su proposta dell’Assessore alla Mobilità sostenibile Simona Pasquali, il progetto definitivo per l’ampliamento del parcheggio del piazzale delle ex Tramvie e ne è stata dichiarata la pubblica utilità in modo da avviare le procedure di esproprio.

Il progetto prevede la realizzazione di un parcheggio provvisorio in ghiaia, di fronte al piazzale delle ex Tramvie, quale ampliamento della nuova struttura da adibire alla sosta degli autoveicoli (saranno 75 i posti complessivi disponibili) in modo da soddisfare così le esigenze dei pendolari: verranno infatti compensati quei posti auto che si ridurranno nel periodo di costruzione del multipiano.

Dopo lo sbancamento del terreno, si provvederà a realizzare una massicciata con finitura in stabilizzato, saranno poi create aiuole delimitate da cordoli in calcestruzzo, la rete per la raccolte delle acque piovane e nuovi punti luce, infine l’area verrà asfaltata. Da segnalare che, oltre a questo intervento, sarà posizionata anche un’apposita scala di accesso al parcheggio esistente in modo da facilitare l’utilizzo dei posti auto collocati nei pressi del Civico Cimitero.

Le aree interessate dai lavori sono di proprietà di R.F. (Rete Ferroviaria) Sistemi Urbani s.r.l. e saranno soggette ad espropriazione, procedura possibile a seguito della dichiarazione della pubblica utilità. L’acquisizione delle aree e i successivi lavori saranno in capo ad A.E.M. Cremona S.p.A.

“L’approvazione di questo progetto costituisce un passaggio fondamentale – dichiara l’Assessore Simona Pasquali – per venire incontro alle esigenze espresse dai rappresentanti dei pendolari nei confronti avvenuti nelle scorse settimane. In questo modo, durante le fase di realizzazione del multipiano, tutti coloro che devono prendere il treno per motivi di lavoro o di studio potranno parcheggiare i loro mezzi nelle vicinanze della stazione ferroviaria senza dover percorrere lunghi tragitti. Una soluzione individuata grazie al fattivo e non semplice lavoro svolto dagli uffici del Settore Lavori Pubblici e Mobilità al quale va il mio ringraziamento”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sbirulino19

    Ecco qua: asfalto.

    • Franz

      se hai soluzioni migliori perché non le proponi?
      Oppure puoi candidarti alle prossime elezioni

      • Sbirulino19

        Soluzioni migliori? Magari evitare di togliere i parcheggi che già c’erano in viale T.Trieste? No, troppo elementare per dei geni.

        • Gianluca

          Forse ti riferivi a Via Dante.

          • Sbirulino19

            Anche

          • Abiff

            Esatto.

      • MrCairo

        Sinceramente i parcheggi che hanno tolto con i nuovi lavori in via Dante dubito che daranno fastidio ai 10 fortunati pendolari che alle 6.30 forse trovavano qualche posto.
        Preferisco una strada senza parcheggi ma con una ciclabile ed un parcheggio con 75 posti in più piuttosto che mantenere la situazione di prima in cui ci mettevo 20 minuti per trovare un parcheggio in c**o ai lupi con il treno (e tutta la giornata) che mi aspetta.
        Poi ovviamente sta tutto nel COME vengono realizzate le idee.

        • Abiff

          Quello che io temo è che alla fine tra parcheggi tolti e parcheggi creati, il saldo sia negativo, e anche penalizzante per gli esercizi economici in via Dante. Ricordiamo che ad esattamente un isolato di distanza (100mt) vi è già la ciclabile di viale Trento e Trieste.

          A conti fatti, vedremo se ne sarà valso la pena oppure se avanzerà la desertificazione.

        • Sbirulino19

          Ovviamente non sono d’accordo, togliendo 10 posti qua, 20 la, 15 nell’angolo, 30 sotto gli alberi per un totale di 75 posti, si avrà ancora la stessa situazione, cioè 20 minuti per trovare posto, ma le ciclabili inutilizzate e l’asfalto dove prima c’era il verde.

      • MrCairo

        Scusa volevo rispondere al commento originale di sbirulino

  • baolo

    Guardando le mappe online quella risulta essere un’area interamente verde, pochi metri più avanti c’è una area ex-cantiere abbandonata che forse si prestava meglio, al netto della possibilità di acquisirla.

    • Franz

      Perché magari è un’area edificabile di proprietà di un privato ?? Difficile che te la regali per farci un parcheggio…però puoi provare a chiedere!

      • baolo

        Pure questa verde è una area privata. Fai meno il ciutto e prova a svegliarti fuori leggendo il mio messaggio fino in fondo.

  • michele de crecchio

    Ogni parcheggio che si rispetti dovrebbe essere debitamente alberato, Nel progetto presentato forse gli spazi per qualche albero ci sono, ma gli stessi non sono indicati specificatamente. Il tutto mentre l’amministrazione lancia, un po’ pomposamente, il cosiddetto “piano verde” e promette di piantumare un poco dappertutto.
    Come mai?

  • Baruch

    Cremona ormai ruota intorno alle automobili. Le vie del centro tappezzate di auto (mentre i parcheggi a pagamento sono ritenuti troppo cari anche da chi va a fare shopping per decine di euro); i dintorni della stazione ferroviaria altrettanto pieni di auto (i pendolari sono tenuti a raggiungere la stazione con la propria automobile? Sono stato pendolare quando non c’erano parcheggi a terra e/o multipiano, e con me molti altri senza auto. Si poteva. ) Allora ok piantumare, non deturpare, ecc., ma prendiamo atto che si sta trasformando una città in un parcheggio, per di più meno ordinato di quelli dei centri commerciali, ahimè.

    • Abiff

      Solo un’osservazione: molte vie del centro sono chiuse al traffico (esiste la ZTL) e molti pendolari abitano fuori città (Cava, Bonemerse, ecc) e devono usare l’auto per recarsi in stazione.

  • Mirko

    Olè