Ultim'ora
Commenta

Rilancio terziario, maggioranza
e minoranza concordi:
il testo dell'odg condiviso

Il settore dei bar e soprattutto dei ristorianti è tra quelli che hanno maggiormente risentito del lockdown

Andrà in consiglio comunale domani l’ordine del giorno frutto della mediazione tra i tre precedenti testi presentato da Forza Italia, Lega Nord e Pd in merito agli aiuti per sostenere l’economia locale. Il testo, che sarà quindi votato all’unanimità, parte dal presupposto che “diversi studi di ricerca economica sono concordi nel prevedere una marcata riduzione del PIL nazionale per l’anno in corso, senza precedenti nella storia moderna; lo studio dell’Osservatorio Covid Analysis, che ha rielaborato i dati ISTAT in base al peso delle diverse attività economiche, stima una perdita per il mondo produttivo locale di quasi un miliardo di euro”.

Queste le misure di sostegno al settore terziario della città che vengono elencate nelle linee di indirizzo. Molte di queste misure (vedi Tari e plateatici) sono peraltro già in fase attuazione da parte dei singoli settori dell’amministrazione comunale.

  • riduzione media di circa il 50% della TARI per le categorie di utenti non domestici maggiormente colpiti dai provvedimenti di contenimento dell’epidemia, modulabile nelle diverse categorie. Rinvio delle scadenze TARI per l’anno 2020 per tutte le utenze domestiche e non domestiche.
  • COSAP gratuita nel 2020 per negozi, esercizi pubblici e ambulanti.
  • Sospensione della tassa di soggiorno per tutto l’anno 2020.
  • Contributo agli affitti per le attività che sono rimaste chiuse e che hanno dovuto pagare l’affitto per la durata del lockdown.
  • agevolazioni sulle locazioni e sulle utenze per molte realtà associative e del volontariato.
  • Agevolare per il 2020 le richieste in  gratuità di  nuovi plateatici  e/o  di  allargamento di plateatici esistenti per i pubblici esercizi e spazi di esposizione anche   per   i   commercianti   interessati   ad   esporre   la   merce, individuando procedure   di  snellimento   burocratico   quali   autocertificazioni applicando il modello del silenzio-assenso, nel rispetto delle diverse norme, dei regolamenti comunali  e  del  Codice della strada.
  • Favorire l’accesso al centro cittadino ed in particolare a promuovere gli acquisti nei negozi, prevedendo agevolazioni sulla sosta anche di gratuità per un tempo definito, da iniziare ad attivare entro fine giugno con modalità anche sperimentali e che andranno verificate e modulate durante l’anno 2020.
  • Realizzare nell’estate 2020 una più ampia isola pedonale durante le serate dei fine settimana di luglio e agosto, in modo da favorire la fruizione del centro storico, dei negozi e degli esercizi pubblici.
  • Investire il contributo regionale di circa 1 milione di euro in interventi volti alla valorizzazione del tessuto urbano cittadino, con particolare attenzione e riferimento al centro storico compresi interventi di rigenerazione urbana che sostengano il rilancio dell’area centrale quale centro commerciale all’aperto.
  • Incentivare l’organizzazione di eventi collaterali di tipo culturale, musicale, ricreativo che possano creare momenti di intrattenimento “diffuso”, promuovendo un sistema culturale integrato, che metta in sinergia le realtà culturali della città (Museo del Violino, Teatro Ponchielli, Sistema Museale; nuovo Museo Diocesano, ecc.).
  • Promuovere una nuova strategia turistica rinnovata che miri ad un turismo di prossimità, regionale, aperto ai territori di confine, soprattutto nel breve periodo e che si estenda poi all’intera Italia, progettando tour cittadini tematici con l’obiettivo di far conoscere ai turisti antichi mestieri, botteghe storiche, prodotti tipici, l’arte liutaria e promuovendo e valorizzando il fiume Po.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti