Commenta

Morte di Pamiro: vittima e
moglie erano in un gruppo
spirituale. Il mistero del cd

Tra le piste seguite dagli inquirenti per far luce sul giallo della morte di Mauro Pamiro, il 44enne professore cremasco trovato privo di vita lunedì 29 giugno nel cantiere edile di via Mazzolari, nel quartiere dei Sabbioni, a circa 200 metri da casa sua, c’è anche quella della meditazione trascendentale: pare infatti che la vittima e la moglie Debora Stella frequentassero un gruppo dedito alla scienza spirituale. Martedì 30 giugno, inoltre, gli investigatori hanno trovato al cimitero un cd di Mauro, che suonava in una band. Il cd contiene l’ultimo brano scritto lo scorso marzo da Mauro ed intitolato “A Last Embrace”, ovvero “Un ultimo abbraccio”. Un testo insolitamente triste, lo definisce un’amica. Sulla copertina del cd c’è una mano che schiaccia un pomodoro dal quale esce il succo di colore rosso sangue. Un giallo nel giallo, tanto che tutte le ipotesi restano aperte: dall’omicidio, al suicidio, fino alla disgrazia. L’unica che forse potrà chiarire cosa sia successo davvero è Debora, che resta indagata, come atto dovuto, per omicidio. Gli agenti della squadra mobile di Cremona e del commissariato di Crema sperano di sentirla al più presto, ma la donna, 40enne grafica pubblicitaria, resterà ancora ricoverata qualche giorno nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Crema. Poi bisognerà capire dove potrà andare ad abitare, visto che la casa è sotto sequestro. Cosa può essere accaduto a Mauro, morto nella notte tra sabato 27 e domenica 28 giugno? Cosa ci faceva in quel cantiere, scalzo e senza telefonino? E perchè la moglie non ha avvisato nessuno della sua scomparsa? C’è un buco di 24 ore che è ancora un mistero. Di sicuro è che Mauro è morto in seguito a lesioni interne provocate da una caduta dall’alto, mentre quel foro rinvenuto sulla fronte altro non è che una escoriazione, una ferita causata dall’impatto con il suolo. Questi i primi risultati dell’autopsia, mentre ancora si attendono gli esiti degli esami tossicologici. Inquietanti anche i post pubblicati sul suo profilo facebook da Debora Stella, come il frame del film Twins Peaks, in cui si vedono due uomini che si prendono per il collo, o quello pubblicato nella giornata di domenica in cui si ritrae uno spazio verde con la donna che in uno dei commenti, alla risposta di chi le chiede “dove sei?” risponde “Non lo so nemmeno io”. La donna è assistita dall’avvocato Mario Palmieri, mentre i genitori di Pamiro si sono rivolti all’avvocato Vittorio Meanti.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti