Cronaca
Commenta7

Fermato perchè non indossava la mascherina si scaglia e sputa contro gli agenti. Patteggia

Ha patteggiato un anno e un mese di pena che trascorrerà in carcere, Ousman Boating, 24 anni, originario del Gambia, domiciliato presso la Casa dell’Accoglienza, finito a processo per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Il giovane, difeso dall’avvocato Raffaella Parisi, ha seguito l’udienza in video collegamento dal carcere.

Lo scorso gennaio era stato arrestato dalla polizia. Gli agenti lo avevano fermato perchè lo avevano visto a spasso in via Ghinaglia senza la mascherina. Alla richiesta di esibire i documenti, il 24enne aveva cercato di fuggire, poi, una volta rincorso e raggiunto, aveva colpito con un pugno al volto uno degli agenti, cercando anche di strappargli il cinturone. Il giovane era stato immobilizzato, anche grazie all’uso dello spray al peperoncino, ma poi si era divincolato e aveva preso a calci e testate gli altri poliziotti, sputando e tentando di morderli. Uno degli poliziotti era stato colpito al polso sinistro con un calcio.

In supporto dei colleghi era poi arrivata una pattuglia della polizia locale e a quel punto il 24enne, con alle spalle precedenti specifici, era stato definitivamente bloccato. Il primo agente colpito al volto aveva dovuto ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso. Aveva riportato un trauma cranico facciale con frattura delle ossa nasali.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti