Cronaca
Commenta

Pioggia di condivisioni per Ale
C'è anche il post dell'attore Borghi

“Attenzione. Scomparsa da Cremona lunedì 25 ottobre. Si chiama Alessandra Spotti, 15 anni. Per qualsiasi segnalazione contattare le forze dell’ordine. Condividete, grazie”.

Sui social, pioggia di post per trovare la 15enne cremonese che lunedì, dopo essere stata accompagnata a scuola dai genitori, si è allontanata con un ragazzo italiano di 18 anni con cui è legata sentimentalmente da un paio di mesi. Entrambi sono spariti e più passano i giorni più la preoccupazione e l’angoscia di entrambe le famiglie cresce. Se per ora i genitori del ragazzo hanno scelto il silenzio, mamma Serenella e papà Giovanni, i genitori di Alessandra, hanno deciso, oltre naturalmente alla polizia, che sta cercando incessantemente i due ragazzi, di affidarsi anche a facebook, instagram e agli organi di stampa.

Sono tantissimi gli appelli postati sui social affinchè Alessandra torni a casa. A chiederlo è anche Alessandro Borghi, attore romano protagonista di film come “Non essere cattivo”, “Suburra”, “Fortunata” e “Napoli velata”, e noto per essersi calato nel ruolo di Stefano Cucchi in “Sulla mia pelle”, film che gli è valso il David di Donatello e il Ciak d’Oro, e in quello di Remo, uno dei due fratelli fondatori della città di Roma, ne “Il primo re”.

Anche Borghi, in una storia su instagram, ha pubblicato l’appello di rivolgersi alle forze dell’ordine a chiunque possa riconoscere Alessandra, che lunedì, insieme al suo amico, avrebbe raggiunto la stazione per allontanarsi da Cremona, forse con destinazione Piacenza. Del caso si stanno interessando anche le tv nazionali di Rai e Mediaset.

In campo è scesa anche la trasmissione “Chi l’ha visto?”, che sul sito ha pubblicato una scheda su Alessandra: corporatura esile, altezza 1,60, occhi verdi, capelli castani. Indossa un giubbotto nero scamosciato, maglia nera, jeans chiari, scarpe da ginnastica bianche; ha con sè uno zaino nero. Come segni particolari, ha un piercing ad anello al naso.

Sara Pizzorni

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti