Cronaca
Commenta

Via Giuseppina: critiche dai social,
ma pareri positivi tra i passanti

FOTOSERVIZIO SESSA

In via Giuseppina, operai al lavoro anche questa mattina per la rifinitura della pista ciclabile lungo i marciapiedi. Rispetto a due giorni fa, quando c’era solo una lunga striscia rossa, si stanno disegnando le linee bianche e perfezionando gli attraversamenti pedonali. A dispetto delle pesanti critiche, più o meno ironiche, comparse in questi giorni sui social, i pareri raccolti in mattinata tra pedoni e ciclisti sono di un generale apprezzamento per l’opera.

 

Le  critiche più frequenti riguardano la possibilità che si crei conflitto tra pedoni e ciclisti, vista la ristrettezza dello spazio riservato ai primi in molti punti del tracciato, ad esempio tra l’angolo con via Novati e il cavo Cerca. Inoltre, come mostra la foto, risulta impossibile non invadere la corsia ciclabile, quando ad incrociarsi sono due passeggini, deambulatori di persone con difficoltà a camminare, o carrozzine:

 

Quasi un anno fa, a progetto ormai approvato, la Fiab – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta di Cremona – aveva chiesto al Comune un confronto prima che iniziassero i lavori. Da un  monitoraggio effettuato  il 16 aprile e il 7 maggio erano stati conteggiati 1300 passaggi di ciclisti in nove ore di rilevazione in due distinte postazioni, una in corrispondenza di via Novati, dove non c’era pista ciclabile su marciapiede; e un’altra a est della scuola B.M. Visconti dove è da tempo presente una ciclabile su marciapiede affiancata al corridoio pedonale.

“La preoccupazione che Fiab indirizza al Comune – aveva affermato all’epoca Piercarlo Bertolotti, presidente Fiab Cremona –  già protocollata a novembre scorso con proposte dettagliate, ora viene  supportata da numeri che prima non si potevano prendere a causa chiusure Covid. Riteniamo che la tipologia di pista scelta in progetto, monodirezionale sui marciapiedi, tenderà ad aumentare il conflitto tra pedoni e ciclisti nei punti nevralgici, impedendo di fatto l’utilizzo della strada agli utenti che per esigenze di spostamenti rapidi (casa-lavoro) tendono a pedalare ad una di una velocità leggermente più elevata”.

Al momento Fiab non ha preso posizione, lo farà probabilmente la prossima settimana. gb

© Riproduzione riservata
Commenti