Cronaca
Commenta

A Cremona Solidale
riprendono le visite "dal vivo"

Riprendono le visite dei parenti a Cremona Solidale: dal “vivo”, non più attraverso il vetro, come avveniva dallo scorso gennaio per tutelare gli ospiti. “Continua il progressivo ritorno alla negatività degli ospiti che avevano contratto il virus a gennaio”, spiegano in una lettera ai famigliari la direttrice sanitaria Simona Gentile e la Generale Alessandra Bruschi.

Si potrà quindi passare dalle visite al vetro a quelle in presenza a partire dal 7 marzo: non sarà tuttavia un ritorno alla situazione ante – Covid: per il momento le visite avverranno nelle zone già individuate (aree ristoro o altre) e ci sarà sempre la barriera di plexiglas ad impedire baci e abbracci. Ai visitatori è richiesto il possesso del green pass rafforzato e della mascherina ffp2. Resta inoltre indispensabile la programmazione delle visite, secondo le modalità già utilizzate per quelle al vetro. Il tutto è reso possibile dalla collaborazione con i volontari dell’associazione Siamo Noi.

Dunque non è ancora un ritorno alla piena normalità, per i famigliari degli anziani, ma un lento avvicinamento; per coloro che non possono effettuare le visite in presenza, ad esempio per chi è privo del green pass rafforzato, restano attive le videochiamate.

© Riproduzione riservata
Commenti