Cronaca
Commenta

Cagnolina morta dopo abbandono
LNDC Animal Protection denuncia

Era stata abbandonata vicino ad un distributore di benzina, con la sua cuccia e il suo collarino pieno di brillantini. Ferita e vittima di una grave infezione dovuta alla mancanza di cure ricevute da chi avrebbe dovuto provvedere a lei e al suo benessere. Una volta soccorsa da persone sensibili, la cagnolina è stata prontamente ricoverata alla clinica veterinaria di Crema dove hanno fatto il possibile per salvarla, ma purtroppo gli sforzi sono risultati vani. E qualcuno ora si muove per cercare di rintracciare il proprietario, che se identificato rischia una denuncia per maltrattamento.

Ci ha pensato la LNDC Animal Protection. “Una storia straziante, che non avremmo mai voluto si verificasse”, ha detto la presidente Piera Rosati. “Un animale , cane, gatto o altro che sia, ha bisogno di ben altro che collare con brillantini o una cuccia. Un animale ha bisogno di essere rispettato, amato e curato ogni volta che ve n’è la necessità. Posso capire che ci siano situazioni in cui le cure sono costose o impegnative, ma questo non giustifica in alcun modo un gesto così crudele come l’abbandono, anzi. Proprio quando un animale è nel suo momento di maggiore difficoltà è necessario impegnarsi al massimo per prendersi cura di lui, anche chiedendo l’aiuto delle associazioni presenti sul proprio territorio se non si riesce a fare altrimenti. Lasciarla lì, ferita e sofferente, in balia degli eventi è stato veramente un comportamento imperdonabile e quindi abbiamo sporto denuncia contro ignoti, nella speranza che il distributore di benzina disponga di un sistema di videosorveglianza e che abbia immortalato l’accaduto”.

L’associazione lancia un appello: “si faccia avanti chiunque possa fornire informazioni utili per risalire alla persona responsabile della morte di questa piccola anima: aiutateci a rintracciare questa persona, perché questi gesti devono avere delle conseguenze. Basta scrivere una mail ad avvocato@legadelcane.org, anche in forma anonima”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti