Commenta

25.500 euro dalla Regione
per la valorizzazione di
quattro musei cremonesi

Sono quattro in provincia di Cremona i progetti finanziati dalla Regione nell’ambito del bando per la valorizzazione dei musei che ha distribuito in totale a strutture della nostra provincia 25.500. I finanziamenti rientrano nella misura voluta dall’assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie Cristina Cappellini per il sostegno alle realtà museali lombarde.

Eccoli nel dettaglio: 3.500 euro andranno al Museo Paleoantropologico del Po di San Daniele Po per la realizzazione di nuova vetrina per l’esposizione dei resti fossili (mandibola) di leone nella sala dedicata ai carnivori del Po.
– 15 mila euro andranno al Museo Archeologico Platina di Piadena, per il “Vicus di Bedriacum”. Secondo lotto’. Il progetto rappresenta la prosecuzione dell’opera di rinnovamento allestitivo del museo ‘Platina’, finalizzato a una moderna presentazione degli importanti reperti conservati.

4.000 euro è il contributo destinato al Museo archeologico ‘Aquaria’ di Soncino. Il progetto consentirà, piccoli ma mirati interventi di allestimento, un significativo miglioramento della fruizione pubblica, soprattutto per attività didattiche, nonché una razionale gestione delle risorse informatiche del museo (biblioteca specializzata e archivio).

Infine 3.000 sono stati stanziati dalla Regione per il Museo del Lino di Pescarolo ed Uniti per attività di restauro e conservazione di 450-500 manufatti, prevalentemente di lino della collezione del museo.

“Grazie al nostro bando di oltre 760.000 euro siamo riusciti a finanziare 60 progetti per valorizzare i musei lombardi, che rappresentano sempre di più un’eccellenza nazionale”. È intervenuta così l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini, in merito alla pubblicazione della graduatoria dei beneficiari dell’ultimo bando regionale relativo alla valorizzazione e promozione dei musei lombardi.

“Sono davvero soddisfatta – ha detto ancora l’assessore – del risultato di questo bando in quanto siamo riusciti a finanziare tutti i progetti che hanno rispettato i requisiti richiesti dalla Regione”. “Quest’anno – ha ricordato – abbiamo voluto porre l’attenzione sui temi delle identità locali, dei giovani e della disabilità, che rappresentano delle priorità per Regione Lombardia, anche alla luce della nuova legge sulle politiche culturali regionali approvata nell’autunno scorso”.

“Con questo importante strumento – ha spiegato l’assessore – siamo riusciti a finanziare progetti in tutte le dodici provincie lombarde, premiando non solo realtà museali già consolidate, ma anche piccoli musei che senza l’aiuto della Regione non riuscirebbero a sopravvivere e che rappresentano realtà straordinarie per le nostre comunità”.

“Ancora una volta – ha continuato l’assessore Cappellini – il sistema museale lombardo si dimostra vera eccellenza nazionale. Un settore culturale straordinario che registra numeri sempre più importanti per quel che concerne i visitatori e i servizi offerti”.

“Sicuramente uno dei principali fattori che contribuisce al successo dei musei lombardi – ha concluso l’assessore Cappellini – è l’Abbonamento Musei, un importante progetto che noi, come Regione Lombardia, abbiamo fortemente voluto e nel quale continuiamo ad investire per andare incontro, in termini economici e di offerta culturale, ai nostri cittadini”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti