Commenta

Approvato il completamento
della pista ciclabile da
Picenengo a Cavatigozzi

La Giunta comunale, nella seduta di oggi mercoledì 11 ottobre, su proposta dell’Assessore alla Mobilità Alessia Manfredini, ha  approvato il progetto definitivo per la realizzazione del percorso ciclabile di collegamento tra le frazioni di Cavatigozzi e Picenengo, nonché tra la pista ciclabile n. 2 e la pista ciclabile n. 3 del Biciplan mediante l’utilizzo del sottopasso ferroviario realizzato da R.F.I S.p.A. per un importo complessivo di 56.744 euro. Via libera quindi al progetto definitivo per la realizzazione di una pista ciclo pedonale in via Sesto nel tratto compreso tra via De’ Berenzani e la rotatoria di via del Commercio (importo complessivo dell’opera 168.224 euro). Approvato infine il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la messa in sicurezza di un tratto di percorso ciclabile in via Riglio sul tracciato della ciclovia nazionale “Vento” per un importo complessivo di 80.500 euro.

I due primi progetti, inseriti nel Programma delle opere pubbliche per l’anno 2017, sono finanziati con contributo di R.F.I. Spa, per un importo pari a 231.800 euro. A seguito dell’acquisizione del sottopasso ferroviario realizzato da R.F.I. per il transito di mezzi agricoli si è creata la possibilità di realizzare nel comparto Est del territorio di Cremona un collegamento tra la pista ciclabile che conduce a Cavatigozzi, appena realizzata, e la parallela via Sesto. Il percorso ciclabile ha l’obiettivo di creare un percorso secondario in sicurezza e di collegare la pista n.2, che conduce da Cremona a Cavatigozzi, con la pista n. 3, che porta alla frazione Picenengo, verso l’area artigianale di via delle Vigne e via Ferraroni e di seguito verso Casanova del Morbasco. Tale intervento fornirà un asse ciclabile diretto tra Cavatigozzi e Picenengo e i poli attrattori verso la via Castelleone. Contestualmente sarà realizzato, quale secondo stralcio, il collegamento ciclopedonale tra il centro abitato di Picenengo e via Sesto, nel tratto compreso tra via del Commercio e via de’ Berenzani, in quanto, a seguito della realizzazione e completamento delle opere di raddoppio della tratta ferroviaria Cremona – Cavatigozzi, è stato eliminato il passaggio a livello collocato lungo via Picenengo. Inoltre, con specifico provvedimento verranno finanziate opere a completamento del sottopasso ferroviario stesso, nonché interventi di riqualificazione e mitigazione dell’asse ferroviario con particolare riferimento al comparto di via Barosi. Per rendere fruibile il sottopasso ciclo pedonale all’uso pubblico sono necessarie alcune opere di completamento relative alla sistemazione del piano viabile, nonché alla predisposizione dell’infrastruttura dell’impianto di illuminazione e alla realizzazione dell’impianto di illuminazione nei pressi del sottopasso stesso.

C’è poi un terzo progetto approvato dalla Giunta, nell’ambito della ciclovia nazionale Vento che è un percorso di circa 10 km, che si snoda principalmente lungo l’argine maestro del fiume Po e quindi protetto rispetto al transito veicolare. Il tratto tra via Riglio e lungo Po Europa risulta particolarmente pericoloso al transito ciclo pedonale considerata la larghezza ristretta della sede stradale nei pressi del ponte sulle chiuse del canale navigabile. Da qui la necessità di metterlo in sicurezza inserendo un impianto semaforico per la gestione del senso unico alternato sul ponte delle chiuse del porto canale, per la regolamentazione del traffico veicolare, nonché realizzando una pista ciclo pedonale in sede separata. Il tratto di pista ciclabile che sarà realizzato collegherà via Vulpariolo e lungo Po Europa, percorsi ciclo pedonali protetti, per una lunghezza complessiva di 450 metri.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti