Ultim'ora
2 Commenti

Idee per i murales di via Goito
Respinti i due progetti
arrivati in Comune

L'intervento di rigenerazione urbana previsto per l'area di via Goito (il murale inserito è puramente indicativo)

Quale sia il problema ancora non è dato sapere, ma le motivazioni dovrebbero essere riferite nei prossimi giorni: sono state respinte le proposte pervenute al Comune  per la realizzazione di un murales decorativo sul muro, lato ovest, dell’area ‘ex Supercinema’ fra via Goito e via Palestro a Cremona.
Mediante una comunicazione di Giunta del 4 aprile l’Amministazione Comunale aveva espresso parere favorevole all’attuazione dell’opera, inviando poi a 6 professionisti l’invito a partecipare con scadenza fissata per il 16 maggio. Era quindi stata formata un’apposita commissione formata da tecnici di diversi settori comunali per la valutazione delle offerte più vantaggiose sotto il profilo economico e più pertinenti al tema del cinema e delle attività giovanili, secondo criteri esplicitati nella lettera d’invito. Due le proposte pervenute, ma nessuna ha avuto il via libera della commissione tecnica.
La rigenerazione urbana dello spazio dove un tempo sorgeva il Supercinema, abbattuto nel 2002 per fare spazio alla mediateca mai realizzata, è uno degli interventi più vicini tra quelli previsti nel piano delle opere pubbliche. Esso prevede la demolizione della palizzata in legno dipinta a murale, la rimozione delle piante nel frattempo cresciute e la realizzazione di una nuova pavimentazione, che sarà in parte di pregio e in parte no. Per quanto riguarda l’arredo saranno riutilizzati materiali già disponibili, oltre a nuove panchine. Lavori che dovranno essere messi a gara, per un importo di circa 100mila euro.
La parete su cui verrà realizzato il murale, ammesso che il Comune trovi la soluzione adeguata, è quella dell’edificio di galleria Kennedy.
Il Comune vede nello spiazzo di via Goito un luogo di aggregazione anche in funzione del polo culturale che sta sorgendo nell’ex museo Stradivariano, in via Palestro.

F.Priori – G.Biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti