Commenta

Scomparsa di Souad Allou,
a vuoto le ricerche
del corpo lungo l'Oglio

Sono state interrotte le ricerche di Souad Allou, la donna di origine marocchina scomparsa ormai da un mese e per il cui ipotizzato omicidio è stato arrestato il marito. Dopo quattro giorni in cui il territorio è stato battuto palmo a palmo, tra il Bresciano e il Cremonese, lungo l’asta del fiume Oglio (da Pralboino fino a oltre Ostiano), il presidio di coordinamento allestito a Pralboino è stato quindi smantellato.

La donna era scomparsa la sera del tre giugno, lasciando soli in casa i due figli, di 3 e 9 anni. Erano stati loro a dare l’allarme, raccontando che la madre non era più rientrata a casa. Il sospetto degli inquirenti della Squadra mobile della Questura e della Polizia locale di Brescia è che la giovane madre possa essere stata vittima dell’ex marito, residente a Seniga (ma per un certo periodo la famiglia ha vissuto nel Cremonese). Le telecamere di un bar di Seniga vicino all’abitazione dell’uomo lo avevano infatti ripreso mentre trascinava un grosso sacco nero nel cortile e lo caricava in auto. L’uomo, tuttavia, ha sempre negato ogni addebito, asserendo di aver semplicemente buttato dei vecchi vestiti.

Si ipotizza che le ricerche potranno essere riprese in un secondo momento, andando però a esaminare il tratto più a sud del fiume Oglio, sul Mantovano, dove il corpo potrebbe essere stato trascinato dalla corrente.

lb

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti