33 Commenti

Intervento di Raffaele Ariano a
'Intolleranza zero'. 'Contro di
me 30mila messaggi di insulti'

C’era anche Raffaele Ariano, ieri, in piazza del Duomo a Milano tra le decine di migliaia di persone che hanno partecipato ad “Intolleranza Zero”, la manifestazione organizzata da Anpi, Ande e Sentinelli di Milano contro il razzismo. Ariano, di Cremona, blogger de l’Unità e ricercatore universitario, è colui che lo scorso agosto aveva denunciato l’annuncio a sfondo razzista diffuso da una capotreno attraverso gli altoparlanti del treno regionale 2653 Milano-Cremona-Mantova. «I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E agli zingari: scendete alla prossima fermata perché avere rotto i c…». Per quel gesto, i social si erano scatenati contro Ariano. “Tra il 7 e l’11 agosto 2018”, ha detto il cremonese nel suo intervento sul palco (il discorso è stato pubblicato da ‘La Repubblica’ in un video), “ho ricevuto oltre 30mila minacce da parte di profili vicini alla Lega o a Casapound per aver postato su Facebook la mia denuncia”. “Il ministro degli Interni”, ha continuato, “dovrebbe occuparsi della sicurezza ma ha fatto in modo che dalla pagina ufficiale della Lega si contribuisse al linciaggio di un privato cittadino”. “Le persone per bene di questo paese – ha concluso Ariano fra gli applausi – non si faranno intimorire. Alle vostre calunnie risponderemo con la verità”. Per quegli insulti, il ricercatore cremonese era stato costretto a rendere privata la propria pagina Facebook, rendendola accessibile soltanto ai suoi contatti. Il video de ‘La Repubblica’

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Romualdo Balocci

    e cosa si aspettava…

    • Mattia

      Di diventare il nuvo Ferragni

      • Illuminatus

        Noooooo……!

  • Andrea Ferrari

    Purtroppo ci troviamo davanti a un caso grave
    di ” psicopatia morbosa” clinicamente incurabile, inventarsi di aver contabilizzato 30.000 insulti è onestamente esagerato ma anche se fosse vero di averli collezionati, io non mi sentirei vittima della loro stupidità ma artefice della mia.

    • Illuminatus

      Concordo, ben detto.

      • Mario Rossi SV

        Mettersi a contare 30 mila commenti…deve avere tanto tempo libero questo signore.

  • Andrea

    Da ammirare! Girare la faccia dall’altra parte e far finta di niente mi rammenta un certo periodo buio della nostra storia recente…

    • Rosso Verdi

      Quando sparavano alle gambe dei nemici della classe operaia ?

  • Illuminatus

    In una democrazia, dove ormai anche gli operai votano Lega e non più comunista, è proprio lui che si deve porre qualche domanda.

  • Daniele

    Salgo sul palco col microfono in mano ……… voglia di notorietà?

    • Illuminatus

      …o di uova?

  • Rosso Verdi

    Lui invece è stato molto tollerante verso il ferroviere che ha fatto il famoso annuncio ! Questi intellettualoidi dalla doppia morale non si smentiscono mai.

    • Illuminatus

      Davvero. Scagliarsi contro un onesto lavoratore, vessato e sottopagato. Che razza di persona è?

  • Romualdo Balocci

    Giu le mani dal tricolore,compagno

  • fabrizio loffi

    Come vedete i commenti, anche qui, sono tutti a senso unico. E’ inutile, chi oggi è fuori dal coro e denuncia pubblicamente fatti od episodi scomodi all’attuale maggioranza, viene linciato per le sue idee. E questa la chiamano democrazia, a me invece ricorda qualcosa d’altro.

    • Illuminatus

      Quindi, chi ritiene che gli zingari (mi permetta il termine) non debbano salire sui treni senza pagare il biglietto e molestare i passeggeri è… fascista?

      • fabrizio loffi

        Mi permetta, ma forse non ha capito. Intendo dire un’altra cosa: il signor Ariano ha avuto il solo torto di raccontare un episodio a cui ha assistito, con protagonista un funzionario pubblico che ha usato termini decisamente sopra le righe per denunciare una situazione sulla quale possiamo essere tutti d’accordo. Termini che hanno un significato, neppure tanto sottinteso, chiaramente razzista. Ed ha fatto bene a denunciare questo. Poi penso che siamo tutti d’accordo nel ritenere che il biglietto vada pagato indistintamente da bianchi, neri, rom e che ognuno ha ll diritto sacrosanto di non essere importunato sul treno. Faccio presente, però, che la cosa riguarda tutti, anche quei ragazzini, magari bianchi, italiani, cremonesi di buona famiglia, che sui treni si divertono a scardinare i sedili o molestare ragazzine e minacciano i controllori. Ma questo, ovviamente, non interessa.

        • Rosso Verdi

          “Prendi questa mano zingara, dimmi pure che destino avrò .. ” oppure “Che colpa ne ho se il cuore è uno zingaro e va .. ” Attendiamo denunce per gli autori di queste storiche canzoni, che usano termini dal significato, neppure tanto sottinteso, chiaramente razzista.

        • Illuminatus

          Quello che io ho capito è che c’è uno stato ormai intollerabile di inciviltà e criminalità impunita in questo Paese, di cui è responsabile gente di ogni colore, e molti cittadini ne sono esasperati.
          Il razzismo non c’entra niente, solo questa obbiettiva insofferenza. Tant’è vero che dei cittadini cinesi non si sente mai parlare male, ma solo delle nazionalità che si macchiano di delitti in quantità sopra la media, fatti peraltro ampiamente riportati dal Suo giornale.

        • Illuminatus

          E aggiungo un’altra cosa sul razzismo.

          Se io dico che “gli zingari rubano” ho pronunciato una frase razzista che però, stando anche al Suo giornale, ha un fondo di verità oggettiva.

          Se invece dico che gli ebrei sono i migliori violinisti del mondo (l’elenco è sterminato) ho sempre detto la verità – ma è sempre un’affermazione razzista?

          Mi spieghi la differenza, se c’è, La prego.

    • Italiana

      Aveva ragione Umberto Eco

      • antonio1956

        Non sono d’accordo.

        • antonio1956

          A seguito di queste affermazioni: “Prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, e di solito venivano messi a tacere. Ora chi scrive ha lo stesso diritto di parola di un premio Nobel. Ma è normale capita in tutte le comunità numerose. Nei gruppi con più di 50 persone quelli che si espongono di più sono sempre gli imbecilli”. (La Stampa del 11/06/2015).
          Lei è d’accordo ? Io no !

          • Illuminatus

            Alle ultime elezioni che hanno portato alla vittoria la Lega e le 5 Stelle, tutti i loro milioni di elettori italiani sono dunque imbecilli?

            Sempre e solo insulti da parte di chi non sa perdere, mai delle alternative credibili.

          • antonio1956

            ??

      • Mario Rossi SV

        Si, anche mio nonno in carriola…

    • Mario Rossi SV

      Condivido, l’importante che questo signore non si presenti alle prossime elezioni, (qualche segnale me lo fa temere) altrimenti poi non condivido più.

  • Stante59

    Chi si lamenta ora e si straccia le vesti evocando la dittatura deve ricordare che per anni chi ha governato lo ha fatto senza mandato elettorale imponendo l’obbligo alla solidarietà, la signoria delle banche, il lascia passare ai delinquenti, immigrazione incontrollata, la disoccupazione, una pressione fiscale draconiana , etc etc… Ricordare che ad ogni azione (scellerata) corrisponde una reazione, è un obbligo per capire il perchè dei fatti. Nella fattispecie una lavoratrice esasperata che viene massacrata mediaticamente per merito di un denunciatore zelante causa una reazione spontanea in chi ogni giorno osserva e subisce chi della legalità se ne fa un baffo impunemente.

    • Illuminatus

      Pura verità, complimenti per l’ottima sintesi. Anche l’animo più buono ha il suo limite di sopportazione, dopodiché reagisce, bene o male, chissà, all’adrenalina non sempre si commanda. La lavoratrice ha puntato il dito verso una situazione inaccettabile, e c’è chi fissa il dito… è naturale che molti siano solidali con lei.

      • Stante59

        Grazie, troppo buono…

  • antonio1956

    Non so quanti italiani sono “iscritti” a Facebook. Supponiamo, e credo di sbagliarmi in meno, un milione. 30.000 persone hanno postato su Fb commenti “sfavorevoli” (non li ho letti e non posso dire altro) riguardo la denuncia su Fb del viaggiatore.
    In termini assoluti questo numero è rilevante, in percentuale si tratta di poco più del 3% su un milione di iscritti. Questo 3% raffrontato con l’intera popolazione italiana diventa meno dello 0,01%. Con percentuali così risicate non si può pensare a una deriva razzista dell’intero Paese: se dovessi assistere a qualche episodio di intolleranza, di razzismo o altro, mai mi sognerei di pubblicare la denuncia su Fb, che non utilizzo, ma mi rivolgerei alle autorità competenti.

    • antonio1956

      …… a meno che non voglia sperimentare di persona il detto di Cesare: ” molti nemici, molto onore “

      • Illuminatus

        OK ma bisogna essere Cesare.