6 Commenti

Prende forma il nuovo
polo commerciale
su via Castelleone

La zona tra la rotonda e via Castelleone è pronta a ospitare un nuovo insediamento commerciale, quello di Comet, leader nella vendita di automazione, materiale elettrico ed elettrodomestici. Il polo di Cremona sarà il più grande della Lombardia e, in effetti, è già visibile come la struttura sia estesa, composta da più edifici in via di realizzazione. Al lavoro uomini, mezzi e gru per velocizzare la costruzione dello store che sorgerà appunto in via Castelleone, nell’area accanto alla Lidl dismessa ormai da 5 anni: 8200 metri quadrati di cui 4mila occupati da questa nuova costruzione che diventerà il maxi punto vendita. Ad occuparsi della progettazione dell’edificio è lo studio di architettura Arkpabi dei noti professionisti Palù e Bianchi. Secondo i piani lo store dovrebbe aprire a primavera 2019 ed è già partita la ricerca di personale. In particolare l’azienda è interessata ad individuare un Responsabile di punto vendita, oltre a specialisti dei reparti e addetti al box cassa e servizi di età compresa tra i 20 e i 40/45 anni a seconda della mansione.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Jo Pesce

    Comet sara

  • mirko ansaldi

    Perché di centri commerciali non ce ne sono abbastanza..facessero case popolari e servizi di base.

    • Roberto

      Dopo li riempiono di extracomunitari, meglio un bel supermercato.

      • Illuminatus

        Meglio ancora un po’ di verde….

        • Roberto

          Non sarebbe male ma é impossibile

  • Simone

    La comet non è un centro commerciale per tutti, ma un fornitore di materiale elettrico per professionisti e anche per chi vuole fare piccoli lavori di fai da te elettrico. Non ci vai con tuo figlio a prenderci il gelato e portarlo sulle giostrine. Conosco la catena e oltre ad avere buoni prezzi sul materiale, garantisce amplia scelta tra marchi e componentistica. Quindi non diciamo stupidaggini. E poi se per la comunità sta bene che i centri commerciali si continuino a fare è perché il centro ormai non è più appetibile per come oggi viviamo la vita: sempre di corsa, costretti a comprare al meno prezzo possibile. Quindi ben vengano tutti i centri commerciali tra l’altri se tutti nella stessa zona…