I commenti sono chiusi

Fasani contro la nuova
via Goito: 'Inaugurata
solo della ghiaia'

“Al netto di qualche pezzo di pista ciclabile, dopo 5 anni di ‘cura Galimberti’  la città è rimasta immutata. In realtà qualcosa è successo. Qua e là sono sbucate piccole rotatorie strette anche per un go-kart , sono nati cordoli gialli e neri ovunque, sono stati applicati dossi spacca-ruote sulle vie di scorrimento, la progettazione e la manutenzione delle strade è stata abbandonate in preda all’ossessione per l’eliminazione delle automobili mentre i manti bituminosi stanno diventando veri e propri percorsi accidentati regolati da semafori con lampadine spesso bruciate. Forse erano impegnanti a spegnere l’inceneritore o a risolvere i problemi di via Giordano, chi lo sa”. E’ questo il commento che il consigliere Federico Fasanidà dei cinque anni di Amministrazione Galimberti.

Ma, dopo le dure parole sulla nuova ciclabile di viale Trento e Trieste, il consigliere di minoranza attacca il sindaco anche su via Goito: “Si inaugura una pista ciclabile che è più pericolosa della Parigi Dakar, si inaugurano i plastici di interventi fatti da altri ma soprattutto si inaugura la ghiaia.  Dopo anni in cui era ampiamente prevedibile lo sblocco del area di via Goito, l’Amministrazione si fa cogliere impreparata. Non esiste un progetto, uno studio ma nemmeno una timida ipotesi di quello che questo spazio può diventare. Eppure sono molti gli stimoli che derivano dalla sua posizione, dalla contiguità con determinate funzioni della città, dalla strategicità rispetto a corso Garibaldi o dalle dimensioni tutt’altro che ridotte di questo spazio. E allora, per la disperazione, si organizza l’inaugurazione di una distesa di ghiaia punteggiata da qualche fioriera, in pratica si inaugura l’assenza di un progetto cioè l’assenza di qualsiasi traiettoria per lo sviluppo di questo vuoto urbano”. “Questo – ha aggiunto l’esponente di Forza Italia – è solo l’ennesimo esempio di una condotta improvvisata, fatta di micro interventi che non possono bastare per una città che ha bisogno anche di spazi per potere esprimere i propri talenti”.

Sempre Fasani, dopo aver ricordato che vuole “un’Amministrazione coraggiosa, capace di azioni decise,  che si preoccupa di quello che succederà, un’Amministrazione in grado di accompagnare le trasformazioni e non di subirle inaugurando il nulla” dato che “chi governa deve assumersi la responsabilità di affrontare le trasformazioni urbane”, ha infine proposto: “Per quest’area stiamo elaborando un’idea che presto presenteremo, rispettosa dei Cittadini e delle loro esigenze. Si tratta di un contesto complesso perché nodale rispetto ai flussi di molti utilizzatori della città; è un punto di arrivo ma anche di transito, di permanenza ma anche di passaggio. E’ un tema che deve essere affrontato senza condizionamento ideologico ma partendo dall’osservazione delle necessità reali della comunità.
L’alternativa è assistere per altri 5 anni all’inaugurazione dell’acqua calda che, per inciso, continua ad arrivare dal termovalorizzatore”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Luca Voltolini

    Buongiorno, dopo numerose letture e riletture dell’intervista all’architetto Fasani, credo siano molte le contraddizioni che emergono; dichiarare che dopo un quinquennio d’Amministrazione Galimberti la città sia immutata è un opinione dell’architetto ma ahimé, i molti progetti pensati e realizzati dall’attuale Ammnistrazione, tra i quali qualcuno è anche ricordato nell’intervista dallo stesso Fasani, lo smentiscono. Paragonare la ciclabile Trento Trieste ad un rally automobilistico mi pare un’esagerazione, il fatto che non piaccia la riqualificazione dello spazio Goito è un opinione personale, che condivido in parte perchè in ogni circostanza , in ogni occasione, si può fare meglio. Quel che rimane di concreto di questa intervista è il passaggio finale, ossia quando l’architetto ci svela il suo desiderio di avere “ un “ Amministrazione coraggiosa, capace di azioni decise, che si preoccupa di quel che verrà, in grado di accompagnare le trasformazioni e non di subirle” : credo che proprio questa Amministrazione si sia distinta per una visione di cambiamento in positivo della città,nell’ottica citata dall’architetto, soprattutto nelle parti che più interessano e riguardano i cittadini, indipendentemente dall’appartenenza politica. Gentile architetto, solo per citare una delle tante politiche positive introdotte, il disincentivo delle automobili nello spostamentro urbano, con le numerose positive ricadute sul benessere collettivo, le pare un’azione da poco ? Altrove, in Europa, è diffusa da decenni e molti nostri concittadini europei non se ne dispiacciono affatto, anzi….. Proviamo politicamente a tenere separati i pregiudizi dai giudizi, i pareri, i pettegolezzi e le bugie distanti dai fatti compiuti e dalla verità , provi la minoranza consiliare a partecipare attivamente alle politiche della città, fornendo un contributo concreto e non limitarsi a raccontare menzogne, provi a svolgere un ruolo critico in positivo: tutta la cittadinanza ne gioverebbe e sarebbe un segnale tangibile che nella nostra città si adottano politiche proattive, come in uso in paesi europei riconosciuti più civilmente “avanti” rispetto all’Italia.

  • Mario Rossi SV

    Senti chi parla…