6 Commenti

Luci viale Po, no riscontro a
petizione. Promotori portano
discussione in Consiglio

I promotori della petizione popolare  che chiede maggiore luce sulle piste pedonali e ciclabili di viale Po, hanno fatto richiesta di portare l’argomento nel primo consiglio comunale utile.  “Il 14 novembre scorso – scrivono – era  abbiamo depositato presso l’ufficio protocollo del Comune la petizione popolare “per la posa di nuovi punti luce sui percorsi ciclopedonali di viale Po” sottoscritta da ben 587 cittadini residenti in città. Nella lettera di trasmissione delle firme era contenuta la richiesta d’incontro con l’assessore competente e l’indicazione del nostro referente nella persona del presidente del Comitato di Quartiere Po.
Ad oggi, nessuna comunicazione ci è pervenuta dall’Amministrazione comunale, neppure di semplice presa in carico della petizione. Ci rammarichiamo per questo inspiegabile disinteresse nei confronti dell’azione civica di centinaia di cittadini cremonesi che hanno solamente a cuore la sicurezza e l’incolumità di chi ogni giorno utilizza la ciclopedonale di viale Po.
Facciamo presente che la Petizione è un istituto di partecipazione popolare previsto dallo Statuto del Comune di Cremona. Nello specifico, all’art. 22, punto 3, si stabilisce che il sindaco “provvede a comunicare al suo primo sottoscrittore l’organo competente ad esaminarla e la data della sua trattazione entro quarantacinque giorni, trascorsi i quali ciascun sottoscrittore ha diritto di richiederne l’iscrizione all’ordine del giorno della prima seduta utile del consiglio”.
Pertanto, in qualità di primi sottoscrittori della petizione abbiamo provveduto in data odierna a formalizzare tale richiesta, essendo i 45 giorni previsti dallo statuto ampiamente scaduti.
Invitiamo i consiglieri comunali, sia di maggioranza che di minoranza, a sostenere la nostra petizione popolare al fine di poter arrivare ad una rapida decisione in merito, nel pieno rispetto dello Statuto comunale”.

Ma anche in via Dante la situazione non è migliore. Lo denuncia – e denuncia l’inerzia di amministrazione, tecnici Citelum e anche del Comitato di quartiere – un residente che ha postato una foto della strada con le sole luci dei semafori sulla pagina Facebook Non sei cremonese se… “Comune, opposizioni, mezzi di stampa, come se niente fosse … eppure in serate nebbiose come queste, farla al buio con biciclette in controsenso o sui marciapiedi, pedoni che attraversano senza aspettare il verde, è pericolosissima! Più si un mese fa, il sig Sindaco, a mia specifica domanda sull’illuminazione in questo tratto di strada rispose che stavano lavorando al problema, … si, ma quale? Sarà disinteresse del Comune, incompetenza di Citelum, non lo so, però date una risposta per favore!”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • antonio1956

    Una soluzione potrebbe essere, a parer mio, la rotazione dei pali di sostegno dell’illuminazione del viale Po di novanta gradi ma anche meno. In questo modo l’illuminamento sarebbe equamente suddiviso tra le corsie di marcia delle auto e le corsie riservate ai pedoni e alle biciclette. Così come sono posizionati illuminano la strada alle auto e non ce ne sarebbe bisogno. Una soluzione irrispettosa delle consuetudini ma, considerando il minor impatto in termini di costi, efficace !

    • Jeppetto

      Soluzione tecnicamente valida, ma sarà recepita dalla Dirigenza comunale?…

    • Abiff

      Che fine ha fatto l’appena proclamata volontà di dialogare con i cittadini?

      La soluzione a questi continui disservizi, a parere mio ed a consuntivo ampiamente raggiunto, sarebbe eleggere una nuova amministrazione comunale. Ma per la maggioranza dei cremonesi va bene tutto…

  • Gianluca

    Se aspettate risposte dall’amministrazione a qualsiasi quesito…..potete stare freschi.

  • CommanderKeen

    Questa amministrazione brancola nel buio, in tutti i sensi.

  • Chicca

    Non ascoltano nessuno! Io ho chiamato perchè è più di un mese che al grattacielo bianco del cimitero cè ascensore rotto,mi hanno detto che devono sostituire un pezzo, e che avrebbero sollecitato! Ma da dove arriva il pezzo dalla cina ?! Per la miseria !!!