Cronaca
Commenta

E' morto Colalucci. Suoi i restauri
della Sistina e di Santa Monica

Il restauratore Gianluigi Colalucci è morto a Roma all’età di 92 anni. E’ stato il protagonista del “restauro del secolo”, stando a contatto per quasi 15 anni con gli affreschi di Michelangelo della Cappella Sistina. Ed è anche colui che ha curato la grande operazione di recupero e restauro dell’ex convento di Santa Monica a Cremona, diventato, grazie alla Fondazione Arvedi Buschini, la sede cremonese dell’Università Cattolica.

Il professor Colalucci si era occupato delle volte affrescate dal pittore De Longe e di quelle delle navate secondarie della parte pubblica della chiesa che si affaccia su via Bissolati. Il maestro, che aveva lavorato per far tornare al suo splendore la nostra chiesa di Santa Rita, era stato a Cremona il 13 dicembre del 2019 in sala Puerari: una lezione di restauro, la sua, un racconto di storia e di umanità e del lungo cammino che lo aveva portato a restaurare la Cappella Sistina, un immenso lavoro eseguito dal 1980 al 1994 e che aveva permesso di ripulire le pareti dell’opera più significativa di Michelangelo dagli strati di fumo, dalla sporcizia e dalla cera che secolo dopo secolo avevano finito con l’oscurare i magnifici colori degli affreschi.

L’annuncio della scomparsa del maestro è stato dato dai Musei Vaticani su Instagram: “È deceduto il maestro Gianluigi Colalucci. Fu lui che diresse i lavori di restauro degli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina, da molti considerato il restauro del secolo. È grazie al suo coraggio e al suo talento se oggi i colori della Volta e del Giudizio Universale di Michelangelo appaiono in tutto il loro folgorante splendore”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti