17 Commenti

Cremona-Mantova: addio a
riqualificazione, si va verso
l'autostrada regionale

La Regione Lombardia conferma l’impegno a finanziare l’autostrada Cremona Mantova e lo Stato farà la sua parte per garantire la realizzazione delle opere considerate necessarie per migliorare le infrastrutture del sud Lombardia. E’ l’esito dell’incontro svoltosi oggi pomeriggio a Roma presso il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, tra i sindaci e i presidenti delle province di Cremona e Mantova, Gianluca Galimberti, Rosolino Azzali (vice presidente) Mattia Palazzi e Beniamino Morselli. All’incontro, sollecitato dallo stesso Galimberti lo scorso settembre e propiziato dall’onorevole Luciano Pizzetti, hanno preso parte il ministro Paola de Micheli, i tecnici del Ministero e un dirigente di Regione Lombardia a Roma, in contatto diretto con l’assessore regionale Maria Cristina Terzi.

“Ci rivedremo entro la fine di novembre – afferma il sindaco Galimberti all’uscita dalla riunione – con la conferma di parte di Regione Lombardia del finanziamento dell’autostrada Cremona Mantova, ma anche con l’impegno a costruire un percorso che sia il più possibile parallelo tra la costruzione dell’autostrada e il raddoppio ferroviario Cremona – Mantova, perchè così facendo si può raggiungere una maggiore efficienza dei costi”.
Galimberti ha riscontrato la “massima disponibilità da parte del Ministro a costruire un accordo con la Regione e i territori cremonese – mantovano per stilare l’elenco di opere ritenute necessarie e arrivare così a un piano complessivo di interventi in cui Stato e Regione si impegnino ciascuno per la propria parte, con tempi e scadenze ben precisi. In questo accordo troveranno collocazione anche i due interventi più attesi dal territorio casalasco: nuovo ponte con la sponda parmense e circonvallazione di Casalmaggiore, ma soprattutto importanti opere per il Mantovano, quali la tangenziale del capoluogo e la circonvallazione di Asola. In prospettiva, con scadenze temporali più avanzate, ci potrà essere anche la riqualificazione della Paullese”. Non è chiaro se in questa programmazione ci sarà spazio anche per opere che interessino più da vicino il capoluogo Cremona.
Ora però l’attenzione della politica è tesa a portare a casa un risultato per risolvere l’ultradecennale questione della Cremona Mantova. Con l’incontro di oggi viene abbandonata l’idea della riqualificazione della strada statale e confermata invece la costruzione di un’infrastruttura a pedaggio: la Regione contribuirà con 1,2 miliardi all’opera, da realizzare entro il 2026 anno delle Olimpiadi, che in parte saranno rimborsati sotto forma di pedaggio, in parte saranno sotto forma di investimento.
Determinante, per la parte cremonese rappresentata da Galimberti e Azzali, sarà l’impegno da parte dello Stato a sostenere la riqualificazione della tratta ferroviaria Piadena – Cremona, rimasta esclusa dall’ultimo piano di Rfi (a vantaggio invece della Piadena – Mantova).
Un accordo su cui tutti e due i soggetti istituzionali – Stato e Regione – oggi si sono trovati in sintonia  e che verrà ulteriormente definito in un altro incontro programmato entro la fine di novembre.
“A noi – conclude Galimberti – sembra che ci sia una bella disponibilità da parte di Ministero e di Regione e sono soddisfatto. Dall’incontro di oggi esce la volontà di un accordo generale che corrisponde ad una visione strategica del territorio, individuando chi fa cosa, in quanto tempo, e confermando le disponibilità economiche annunciate. Il collegamento veloce Cremona Mantova ha un interesse sovra-locale, è un corridoio sovranazionale importante per connettere Milano al Brennero, via Cremona”.

Prevedibile da domani le reazioni degli ambientalisti, da sempre favorevoli alla soluzione più soft della riqualificazione della statale. E dei pendolari, che vorrebbero vedere al più presto, nero su bianco, l’impegno di Rfi sulla tratta Milano  – Cremona -Mantova. Di questa idea era anche l’ex ministro Toninelli; poi col cambio di governo c’è stato anche il cambio di rotta. Vero banco di prova per la realizzazione dell’opera sarà comunque il bilancio della Regione: qui dovranno figurare i primi stanziamenti per dare il via libera, e si parla di 700 milioni, tanto per cominciare: una cifra che potrebbe risucchiare l’intera disponibilità regionale sulle infrastrutture. g.biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Romolo

    Volano per turismo, logistica, industria ed economia del territorio. Il resto sono chiacchiere da perditempo e sostenitori della decrescita felice. Speriamo davvero sia la volta buona.

  • Mirko

    Votati per le belle parole…..ora beccatevi il cemento

  • Non serve altro asfalto, era sufficiente riqualificare la statale.
    Sarà una nuova costosa cattedrale nel deserto, non usata da nessuno come la bre-be-mi perché non conveniente (tanto compensa mamma regione).
    Serve il raddoppio ferroviario, treni Moderni e puntuali.
    Il treno dei capoluoghi (mn-cr-+Codogno-mi), diretto e veloce con treni locali che raccolgono i viaggiatori e li portano nelle stazioni principali facendo coincidenza.
    Nel 2019 serve investire sul trasporto pubblico

    • Abiff

      Questa volta sono d’accordo con te. I miei figli sono entrambi pendolari ferroviari è il servizio è il disastro che conosciamo. Dovrebbero andare in auto?

  • Sbirulino19

    Forza, cominciate che abbiamo bisogno di una via che ci colleghi come si conviene nel nostro millennio e non come ora con una strada concepita per i buoi e i carretti.

  • fulvio rozzi

    è facile prevedere i membri del cda della società che gestirà la tratta …………
    resto della mia opinione, non da ambientalista, ma da persona “spero” normale che l’autostrada è un errore ………… meglio sarebbe sistemare la statale esistente e meglio ancora PRIMA la ferrovia mi-cr-mn
    E poi mi domando perchè e di cosa è soddisfatto Galimberti ?
    qual’è la visione strategica , che lui ha visto, del territorio ?

    • Gianluca Franzoni

      Condivido le perplessità di fronte a questa decisione antistorica. Da Galimberti, che ho votato e sostenuto, mi aspettavo ben altra visione del futuro del nostro territorio. La modernità è il trasposto pubblico efficiente e ecosostenibile. Sono molto deluso.

      • Abiff

        Sono d’accordo anch’io sulle perplessità. La Strada Sud no, ma un’intera autostrada sì?

  • ciclo-pe

    Il Sindaco ha capito o no che viviamo in una delle zone con maggiore inquinamento d’Europa? Anche lui non sfugge agli interessi di bottega per realizzare un’opera inutile, costosa e impattante sul territorio, quando basterebbe sistemare la statale. Ma poi non si capisce chi la paga questa autostrada che certo non ha finanziatori privati. Patetico che per giustificare l’autostrada si faccia intravedere la possibilità di migliorare l’attuale e decrepita linea ferroviaria che andrebbe modernizzata a prescindere. La ricca e svilippata Lombardia ha linee ferroviarie decrepite, ma trova i soldi solo per nuove autostrade.

    • Marengon

      Solo il tempo ci fa capire davvero chi sono gli amministratori e che interessi difendono… dagli inceneritori alle autostrade. Stare (fermi), fare (poco) comunicare (tanto).

  • turbo

    era ora! finalmente qualcuno ha capito che per non morire Cremona ha bisogno di collegamenti ed infrastrutture..!

    • Abiff

      Giusto… un bel treno ad alta velocità… magari un MagLev… se lo fanno i cinesi, stai tranquillo che quelli sono le infrastrutture del futuro!

      • turbo

        ah no, una bella strada sterrata per i trattori! o meglio sarebbe il calesse che non inquina! tu si che ne capisci cavoli.. 😉

        • Abiff

          Juǎnxīncài…

          • Andrea

            Illuminatus, sei tu?

          • Abiff

            Prego?

      • Sbirulino19

        Il maglev credo che i cinesi rimpiangano di averlo fatto, relegato ai sui soli 300kmh per evitare di consumare troppo ed essere sicuro non ha più senso. A Shanghai prendi un taxi che dall’hotel a PVG alla fine ci metti meno e ti costa pochissimo. Come le auto elettriche: inutile e costoso.